giornalista scientifico

Corso di Giornalismo Scientifico

Come diventare un comunicatore scientifico?  Di quali competenze hanno bisogno gli scrittori scientifici?

Prima di tutto è necessario un profondo interesse per la scienza e un talento per la scrittura e la narrazione chiare e avvincenti. Anche l’ortografia e la grammatica di base per la lingua in cui prevedi di scrivere è un dato di fatto, scontato.

Questa è una professione competitiva:  il mondo della scrittura scientifica, del giornalismo e della comunicazione si è notevolmente evoluto dagli anni 2010 e sono nate carriere uniche e altamente gratificanti 

Ma la volontà di lavorare sodo, costruire esperienza e contatti e non perdere mai l’interesse e la passione per la scienza in primo luogo sono molto più importanti di qualsiasi abilità o qualifica formale.

Un certo grado di matematica (fino a che punto dipende dalle aree che scegli di coprire) è utile, così come non essere spaventato dal gergo tecnico, dalla scrittura accademica a volte turgida e dall’ego scientifico. A volte devi anche essere preparato a fare molte ricerche di fonti. Ma queste cose possono essere apprese sul lavoro, scrivendo e facendo più reportage e parlando con più scienziati.

Gli scrittori e i giornalisti scientifici di reelance dovranno coltivare abilità aggiuntive come la gestione finanziaria e la comprensione di come organizzare e gestire un’impresa di comunicazione (esempio agenzia stampa, ecc) per conto proprio. Molti freelance apprendono queste cose attraverso una dura  esperienza lavorativa, ma vale la pena pensare a come avviare e gestire la propria attività e trovare consigli specifici se sei interessato a farlo attraverso un corso di formazione che possa abbreviare l’iter di appredimento.  

Negli ultimi due decenni sono stati istituiti molti corsi e lauree in scrittura scientifica, giornalismo e comunicazione scientifica. Alcune persone preferiscono iscriversi a un corso poiché fornisce competenze generali che vanno dalla cronaca di base alla scrittura di notizie e servizi, produzione radiofonica, editing video e diritto dei media.

Molti dei corsi provengono da rinomate università e dispongono di reti di ex studenti e programmi di collocamento lavorativo che possono aiutare i tirocinanti a prendere piede in un settore competitivo. In modo più prezioso, forniscono esperienza e, attraverso l’atto formale di svolgere il lavoro, creano fiducia.

Il grande svantaggio è che le tasse possono essere costose, di solito diverse migliaia di euro all’anno, e questo prima di considerare le spese di soggiorno e di viaggio. E richiedono tempo, di solito un semestre per un corso o un anno intero per una laurea (anche se alcuni potrebbero concedere abbastanza tempo per adattarsi al lavoro part-time insieme).

Il fatto che un corso sia adatto dipenderà dalla vostra situazione e dalle vostre esigenze. Per ribadire, non è necessaria una qualifica per lavorare come scrittore/trice di scienze. Ma se sei interessato/a a diventare rapidamente uno Science Writer consigliamo il CORSO DI GIORNALISMO SCIENTIFICO della Accademia Telematica Europea  che è uno dei pochi a poter essere svolto completamente a distanza ma con docenti in presenza online.

Cosa fa un giornalista / divulgatore scientifico?

Gli scrittori scientifici trattano alcune delle questioni più complesse, eccitanti e importanti dei nostri giorni, dagli sviluppi controversi nei cambiamenti climatici, alla scoperta di pianeti in sistemi solari remoti e alla pandemia di COVID-19. Usano parole, suoni, immagini e grafica per creare storie avvincenti sulla scienza che appaiono su giornali e riviste online e sulla stampa, e su radio, TV, podcast e video.

Gli scrittori scientifici non si limitano a scrivere sulle recenti scoperte della ricerca: forniscono analisi, contesto e prospettiva, aiutando il lettore a esplorare e comprendere le implicazioni sociali, etiche e politiche dei progressi scientifici e del processo scientifico.

Trattano questioni in cui la scienza ha un impatto sulla società e sulla politica, come l’energia, l’inquinamento, la salute e la tecnologia. Ma tengono anche gli scienziati e il processo scientifico sotto controllo. Esaminano statistiche discutibili o affermazioni eccessivamente gonfiate e indagano su cattiva condotta scientifica, conflitti di interesse e violazioni etiche.

Per il pubblico, si spera che tutto questo crei articoli e programmi illuminanti, stimolanti, informativi, influenti e divertenti. Per il giornalista si tratta di una professione affascinante, in continua evoluzione e altamente gratificante che unisce la creatività della scrittura alla curiosità e alla scoperta del campo scientifico. E come per qualsiasi carriera creativa, è molto soddisfacente che la tua storia venga letta, guardata o ascoltata forse da decine o centinaia di migliaia di persone e persino, nella sua più ampia portata, abbia un’influenza sulla società in generale.

There are a wide range of careers involving science writing. The boundaries between different roles are blurred and people often move from one to another and back and forth. And a ‘writer’ may work across multiple formats such as audio, video and social media, as well as more typical text-based news and feature articles.

giornalisti scrivono brevi notizie o sceneggiature che richiedono ore o giorni per essere scritte, servizi più lunghi, che possono richiedere diversi giorni, settimane o mesi. Gli autori di libri possono dedicare molti mesi, a volte anni, a ricercare un argomento in modo molto più approfondito.

I giornalisti passano rapidamente a nuove storie e imparano sempre. È emozionante scrivere sulle frontiere della ricerca e sapere che molte persone leggeranno o guarderanno il tuo lavoro e forse ne saranno influenzati. Sul lato negativo, il giornalismo può essere stressante. I giornalisti lavorano con scadenze costanti e inamovibili. Possono avere solo un’ora per fare i conti con argomenti complessi di cui potrebbero sapere molto poco, e quindi scrivere una storia individuando i messaggi necessari per conoscere, comprensibile per un pubblico generale. Molti giornalisti si lamentano anche dell’aumento dei carichi di lavoro poiché l’inizio dei media digitali ha esercitato pressioni per produrre notizie online 24 ore su 24, 7 giorni su 7, podcast, blog, post sui social media e altri contenuti.

I giornalisti possono essere assunti a tempo pieno da un’organizzazione dei media (“reporter del personale”) sebbene tali posizioni siano relativamente poche e altamente competitive. I liberi professionisti, al contrario, sono lavoratori autonomi, che gestiscono la propria attività di scrittura o produzione di contenuti per molti punti vendita. I liberi professionisti hanno più autonomia nel perseguire storie che li interessano e gestire il proprio tempo, ma spesso hanno meno sicurezza finanziaria e potrebbero dover lavorare di più per ottenere una commissione da un editore.

Gli editori supervisionano il processo: in genere commissionano storie ai giornalisti. Potrebbero commissionare storie che hanno identificato o quelle che i giornalisti hanno “proposto” loro. La modifica di una storia può comportare qualsiasi cosa, dalla modifica di alcune parole alla riscrittura della maggior parte del pezzo.

I redattori secondari controllano le storie per accuratezza, grammatica e chiarezza, inclusa la corrispondenza con lo “stile della casa” di una pubblicazione, dopo la modifica e prima della pubblicazione.

La maggior parte dei principali media (giornali, riviste, siti web di notizie e emittenti televisive e radiofoniche) impiega giornalisti specializzati in scienza, salute, tecnologia o ambiente, tra cui RAI, LA STAMPA, IL CORRIERE e anche riviste scientifiche rivolte al pubblico in generale, tra cui WIRED, Scientific American, Science Focus e National Geographic. Inoltre, molte riviste e riviste specializzate servono esperti divulgatori. ù

Avete domande? Scriveteci a info@accademiatelematica.it